Dipartimenti2018-12-06T10:57:22+00:00

DIPARTIMENTI

I dipartimenti specialistici si sono sviluppati, all’interno di Arbitrando, per soddisfare un’esigenza di approfondimento in settori particolari
Infatti, il nostro ordinamento prevede forme di arbitrato speciale, ad esempio in ambito societario, o del diritto del lavoro, o del diritto sportivo, caratterizzate da una normativa ad hoc. In altri ambiti del diritto, invece (ad esempio in materia di proprietà intellettuale, diritto d’autore, in materia condominiale o dei diritti reali), l’arbitrato si svolge secondo le regole comuni (art. 806 ss. c.p.c.), ma la specificità del settore suggeriscono di tener conto di tali peculiarità nella formulazioni delle decisioni.
In altri settori ancora, come quello del diritto di famiglia, l’arbitrato potrebbe ben costituire un vantaggio nella risoluzione delle
controversie che abbiano ad oggetto i diritti disponibili, ma anche in questo caso fondamentale è la conoscenza delle peculiarità del settore. Vi è poi l’area del diritto internazionale e quindi dell’arbitrato che si svolge tra parti non appartenenti alla medesima nazionalità ove è necessario tenere conto delle soluzioni adottate dalle principali istituzioni arbitrali internazionali che, tra l’altro, consentono di affrontare (e magari anticipare) problematiche e soluzioni rilevanti anche per la pratica arbitrale domestica.
E’ quindi importante maturare conoscenze ed esperienze specialistiche, così che le parti che si rivolgono ad Arbitrando per la nomina di arbitri trovino professionisti appropriati per specifiche controversie.
DESCRIZIONE

Il Dipartimento di Arbitrato Bancario e Finanziario si propone di individuare le aree di maggior interesse in materia rispetto agli obiettivi di Arbitrando. Premettendo che in materia il d.lgs. n. 28/2010 ha introdotto nel nostro ordinamento l’obbligatorietà della mediazione, il Dipartimento si pone in particolare tra gli obiettivi anche quelli di monitorare il funzionamento e le decisioni dell’ Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) , operativo dal 9 gennaio 2017 come previsto dal decreto legislativo n. 130 del 2015 in attuazione

della direttiva comunitaria 2013/11/UE, e dell’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), sistema stragiudiziale di risoluzione delle liti con il cliente di cui dell’art. 128 bis Testo Unico Bancario.

COMPONENTI

Mario Paccoia – Coordinatore
Silvia VanoniFrancesca Petronio – Roberto Pozzi – Daniela ParisiMaria Spataro

DESCRIZIONE

Il Dipartimento accorpa due “macro-aree” (condominio e diritti reali), che rientrano nell’ambito della mediazione obbligatoria ex art. 5 del D. Lgs. 28/2010: sarà quindi opportuno prevedere una “clausola doppia o multistep” (in coordinamento e collaborazione con il Dipartimento Mediazione).
In ambito di Condominio, sia le controversie tra condòmino e amministratore sia quelle tra condominio e terzi richiedono che la clausola compromissoria sia rispettivamente inserita nel regolamento condominiale o nel contratto tra le parti.
Per quanto riguarda i diritti reali, l’arbitrato può interferire sia nella fase di

costituzione dei diritti reali,  sia nella fase di trasferimento di tali diritti,  che in quella di loro regolamentazione. Anche la materia delle locazioni verrà presa in esame, in quanto connessa ai diritti reali.
Il lavoro complessivo non potrà prescindere da un approfondimento preliminare dell’art. 808 bis c.p.c. in tema di controversie in materia non contrattuale.

COMPONENTI

Stefania Volonterio – coordinatrice
Giulia Coffani, Francesca Intersimone, Enrico Spagnolo

DESCRIZIONE

L’Arbitrato nel diritto di famiglia è ancora poco diffuso, nonostante recenti riforme legislative abbiano indicato un generale favor arbitrati.
Arbitrando si propone quindi di diffondere i vantaggi dell’Arbitrato tra chi deve affrontare separazioni personali o divorzi, limitatamente ai diritti disponibili.
L’ è un procedimento:
– che consente la risoluzione in un unico contesto globale di tutti i contenziosi che spesso affliggono i coniugi in crisi;
– confezionato su misura e meno oneroso, anche sotto il profilo economico;
– che garantisce tempi decisionali molto ristretti e, pertanto riduce al massimo le occasioni di stress emotivo tra le parti;

– flessibile rispetto alle singole esigenze del caso concreto e aperto alle “unioni” o ai rapporti familiari in senso lato;
– che restituisce centralità e ascolto alle parti.
Già nel 2015 alcuni Soci del dipartimento Famiglia hanno contributo alla realizzazione di un convegno sul tema in collaborazione con il patrocinio di A.I.Me.F. – Associazione Italiana Mediatori Familiari (si veda sezione “Eventi e Convegni”).

COMPONENTI

Francesca Intersimone – Coordinatrice
Monica Cattaneo, Carola Colombo, Mariapia Lessi, Jane Mori, Marianna Sala

DESCRIZIONE

Il Dipartimento di Arbitrato Internazionale si propone di preparare degli aggiornamenti periodici rispetto a tematiche internazionalistiche che possono essere di interesse per i soci di Arbitrando e rispetto agli scopi dell’associazione. Arbitrando nasce con una vocazione prevalentemente orientata all’arbitrato domestico, ma al contempo ritiene importante dedicare attenzione ai profili internazionalistici della disciplina arbitrale, per almeno due ragioni. Da un lato, è possibile, specie a Milano e per chi opera con clientela o controparti non nazionali, che emergano profili “internazionalistici” (ad es., la necessità di dare esecuzione, in Italia, ad un lodo straniero, o viceversa) e, dall’altro lato, l’Associazione ritiene indispensabile mantenere un adeguato livello di aggiornamento rispetto, soprattutto, all’arbitrato commerciale internazionale,

tenuto anche conto dell’influenza che lo stesso esercita sull’evoluzione dell’arbitrato domestico.In particolare, il dibattito esistente in altre giurisdizioni ove l’arbitrato è maggiormente sviluppato, e le soluzioni adottate dalle principali istituzioni arbitrali internazionali, consentono di anticipare problematiche e soluzioni rilevanti anche per la pratica arbitrale domestica, specialmente nel contesto attuale, in cui l’arbitrato (e non solo) è soggetto a rapidi cambiamenti, anche per effetto dello sviluppo tecnologico.

COMPONENTI

Fabio Cozzi – Coordinatore
Jane Mori, Livia Oglio, Elena Olivetti, Stefano Piccardo

DESCRIZIONE

L’impegno di Arbitrando ha portato alla creazione di un Dipartimento Lavoro che si occupa dello studio, dell’approfondimento e della diffusione dell’Arbitrato di cui agli art. 412 e ss. del Codice di Procedura Civile.
Il c.d. Arbitrato Lavoro, benché ancora poco praticato, costituisce, senza dubbio, un’opportunità per risolvere una buona parte delle controversie legate al mondo del lavoro, in modo specializzato, veloce e riservato ed anche alternativo.
Inoltre, grazie alla specializzazione trasversale dei membri di Arbitrando, sarà possibile affrontare contenziosi che interessano non solo questioni di diritto del lavoro, in senso stretto, ma, anche gli eventuali problemi connessi quali ad esempio, quelli di diritto e societario, di diritto di famiglia e di diritto internazionale ecc..

Non solo, la duttilità dell’arbitrato ha consentito all’Associazione di valorizzare il procedimento di cui all’art. 412 quater c.p.c., anche quale valido  strumento per facilitare il raggiungimento di accordi transattivi che, in questo modo, vengono resi non più impugnabili, in quanto raggiunti in una delle sedi protette e nel rispetto di tutte le garanzie previste dalla legge.

COMPONENTI

Mario Fusani – Coordinatore
Alessandro Bossi, Gianluca BonaGiancarlo de CaroliNadia MiloneCarola MainiEugenio Aurisicchio

DESCRIZIONE

Soluzioni condivise. Decisioni dirimenti.
Sono questi gli obiettivi fondamentali che rendono il ricorso alle A.D.R. una scelta di successo per la soluzione di contenziosi complessi e per la realizzazione di un’efficace policy di conflict management, dedicati alla gestione dei contratti di durata e di appalto.
Med-Arb è nato con l’obbiettivo di sviluppare un’approfondita analisi delle tecniche e dei vantaggi che scaturiscono dalla pratica della mediazione amministrata. E ciò, in stretta relazione con l’analisi delle opportunità offerte dal ricorso a procedure arbitrali, opportunamente promosse per superare, con una decisione dirimente, ogni difficoltà eventualmente insorta per il conseguimento di una soluzione conciliativa.

L’approccio laboratoriale, caratteristico di questo Dipartimento, ci consentirà di realizzare una completa ricognizione degli aspetti tipici del “contratto di arbitrato”.
Il tutto, al fine di disporre di appropriate linee guida e di una modellistica contrattuale, utile per la redazione clausole conciliative e compromissorie, specificamente utili alla risoluzione della più vasta tipologia di controversie.

COMPONENTI

Giancarlo de Caroli – Coordinatore
Nadia Milone, Mariapia Lessi, Carola Colombo, Luisanna Biasotto, Maria Spataro, Riccardo Conte, Giulia Coffani, Stefania Volonterio, Matteo Masiello, Riccardo Ravasio.

DESCRIZIONE

L’arbitrato societario è previsto e disciplinato dagli artt. 34, 35 e 36 del D.Lgs 17.1.2003 n. 5, quale arbitrato speciale voluto appositamente dal legislatore per le controversie in materia societaria e sul presupposto della presenza di una clausola compomissoria nello statuto societario. Il Dipartimento si ripropone di mantenere un costante aggiornamento sulle evoluzioni giurisprudenziali in merito alla compromettibilità delle controversie in materia societaria e di operare anche attraverso la partecipazione ad eventi in altre discipline tangenti all’ambito Societario.

Fino ad oggi numerosi sono stati gli interventi ed i contributi dei Soci di Arbitrando in materia di arbitrato societario in seminari e convegni (si veda sezione “Eventi e Convegni”).

COMPONENTI

Stefano A. Piccardo – Coordinatore
Mario Paccoia – Luisanna Biasotto – Barbara Bonfanti PalazziValentina FarengaFerruccio Papi RossiDaniela Parisi

DESCRIZIONE

Il mondo dello sport, sia professionistico sia dilettantistico, costituisce un vero e proprio ordinamento giuridico. Vi si trovano, pertanto, norme, istituzioni e pratiche specifiche, di cui occorre essere consapevoli. Alcuni soci di Arbitrando, anche sulla scorta di esperienze pregresse, hanno deciso di approfondire la materia, affinché l’uso dell’arbitrato nel settore
possa aumentare in qualità e quantità. Particolare attenzione sarà riservata alle federazioni con un più tesserati, in quanto
potenzialmente generatrici di un numero maggiore di controversie.

Nel mese di Ottobre 2017, Arbitrando e l’Associazione Medico-Sportiva Dilettantistica di Milano hanno organizzato congiuntamente un convegno sull’arbitrato sportivo presso la sede del CONI regione Lombardia. (si veda sezione “Eventi e Convegni”).

COMPONENTI

Alessandro Bossi – Coordinatore
Gianluca Bona, Matteo Masiello, Federico Redaelli, Marianna Sala, Francesco Santi

DESCRIZIONE

La progressiva deindustrializzazione del mondo occidentale ha trasformato la Proprietà Intellettuale nella vera cassaforte delle economie avanzate.
Buona parte dell’odierno contenzioso di livello ruota quindi intorno ad asset immateriali come le invenzioni industriali, il design, il software, le creazioni d’arte, il know-how aziendale.
La gestione arbitrale dei conflitti in materia di IP non può quindi prescindere da competenze professionali costantemente aggiornate col procedere dell’innovazione tecnologica e delle tendenze artistiche.
Il dipartimento IP di Arbitrando si propone di diffondere la cultura dell’Arbitrato,

ritenendolo strumento idoneo per la risoluzione di conflitti connotati dalla trasversalita’ della normativa, dall’alto tecnicismo ed internazionalita’
della materia, dalla necessita’ di soluzioni rapide, flessibili e riservate, nonche’ decisioni su misure, che tengano conto anche del diverso background culturale, sociale, politico e religioso, che caratterizzano i conflitti, per esempio, nel Diritto dell’Arte.

COMPONENTI

Renato D’Andrea – Coordinatore
Jane Mori
Federico Redaelli

Utilizziamo i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra policy. accetto